Hotel Botticelli
available on mobile

Prenotazioni

Piazza del Duomo

 

Piazza del Duomo è nel cuore del centro storico di Firenze, dominata dalla mole della cattedrale, del Campanile di Giotto e il Battistero di San Giovanni. La cattedrale fiorentina è fra le opere architettoniche più importanti del periodo tra gotico e rinascimento, ed una delle più belle e grandi cattedrali europee. Fu iniziata nel 1296 dall'architetto Arnolfo di Cambio dove sorgeva l’antica cattedrale di Santa Reparata. Dopo che erano state ultimate le prime tre campate, nel 1378-80 fu realizzata la copertura della navata centrale e di quelle laterali. Il problema della costruzione della cupola fu risolto dal Brunelleschi, che divenne primo architetto rinascimentale. Il 25 marzo del 1436 Santa Maria del Fiore venne consacrata da papa Eugenio IV. La grande cupola domina la piazza, la città e l'intera piana, essendo visibile da numerosi punti nelle colline circostanti anche a notevole distanza. Emilio De Fabris si aggiudicò l’esecuzione della facciata attuale, in stile neogotico, costruita fra il 1871 ed il 1887.

Il Campanile di Giotto è posto a fianco della cattedrale e fu appunto progettato da Giotto, ma realizzato da Andrea Pisano e completato da Francesco Talenti. È alto 84 metri ed è interamente rivestito da marmi policromi bianchi, verdi e rosati, nonchè decorato anche da numerose sculture e formelle, oggi in larga parte sostituite da copie. Nelle formelle del basamento sono raffigurate le Attività umane, rappresentazioni della Firenze corporativa del medioevo, mentre nella seconda fascia sono raffigurati i Pianeti, le Virtù, le Arti liberali ed i Sacramenti.

La Cupola del Brunelleschi costituisce la copertura del Duomo ed è la più grande cupola in muratura mai costruita. Per realizzarla, furono utilizzate macchine che l’architetto stesso aveva progettato, necessarie per sollevare verso l’alto i materiali durante la costruzione. La Lanterna, il cui diametro è circa 6 metri, ha una funzione molto importante per la statica globale. Nel 1472, il Verrocchio costruì la palla di bronzo che fu posta sulla sua cima. Anche per questo furono necessarie le macchine del Brunelleschi. Fra i ragazzi di bottega che aiutarono il Verrocchio in questa difficile operazione c’era il giovane Leonardo di Vinci.

Il battistero di San Giovanni Battista, patrono della città di Firenze, sorge di fronte al Duomo. Di pianta ottagonale, inizialmente era collocato all'esterno della cerchia delle mura ed era circondato da altri edifici, i quali vennero abbattuti nel XIV e XV secolo per creare l'attuale piazza. La necessità di un edificio di vaste dimensioni nacque dall’esigenza di accogliere la folla che in antico riceveva il battesimo solo in due date prestabilite all'anno. L'edificio è coperto da una cupola ad otto spicchi. La decorazione esterna, in marmo bianco di Carrara e verde di Prato, è scandita da tre fasce orizzontali, ornate da riquadri geometrici. La decorazione interna è suddivisa, come all'esterno, in tre fasce orizzontali. La fonte battesimale in origine occupava il centro del pavimento, splendidamente abbellito da intarsi marmorei con i segni dello Zodiaco e con motivi geometrici orientalizzanti.

 

Photo: Paolo Stinco

Offerte speciali